FELDENKRAIS: IMPARARE A IMPARARE

Ingegnere e fisico, prima cintura nera di judo europea e giocatore di calcio, a causa di un incidente al ginocchio sinistro, Moshe Feldenkrais si dedicò allo studio del movimento partendo da un approccio fisico-matematico. Il suo metodo si basa sulla relazione psicosomatica spirito-corpo-ambiente e diventa famoso nel 1949 con la pubblicazione di Body and Mature  Behaviour.

Le modalità di applicazione del Metodo Feldenkrais sono due: l’Integrazione funzionale e la Consapevolezza attraverso il movimento.

Secondo M. Feldenkrais, ogni aspetto della vita umana, compresa la sicurezza interiore, dipende dalla postura, dall’equilibrio, dal radicamento dei piedi a terra.

Agendo sulla postura, che è determinata dalla dinamica di tre fattori: spazio, ambiente sociale e forza di gravità, si può giungere a una modalità di azione o reazione non più dettata dall’abitudine, ma dalla situazione del momento. Il Metodo Feldenkrais possiamo quindi considerarlo un processo d’apprendimento basato sulla profonda integrazione tra movimento, immagine di sé, sensazioni e pensiero. E una forma di “risveglio corporea” per agire e reagire ai diversi ambienti che influenzano l’organismo.

Si basa su una serie di semplici movimenti che coinvolgono ogni parte del corpo; sull’ascolto delle sensazioni che questi movimenti suscitano; sullo sviluppo di nuovi modi di muoversi atteggiarsi e percepirsi. Con questo processo d’apprendimento possiamo migliorare le nostre capacità grazie a una maggiore consapevolezza del corpo; la comprensione avviene a livello personale e poi si svilupperà in senso terapeutico.

LE LEZIONI DEL METODO FELDENKRAIS

Consapevolezza attraverso il movimento

Nelle lezioni di gruppo del metodo, gli allievi eseguono movimenti organizzati attorno a una funzione specifica, ad esempio rotolare, alzarsi, sedersi, camminare… queste lezioni sono chiamate CAM “Consapevolezza Attraverso il Movimento”.

Le lezioni sono finalizzate a migliorare la propria coordinazione, flessibilità, respirazione ed equilibrio.

Ascoltando queste informazioni possiamo imparare a osservare i nostri atteggiamenti e il nostro modo di muoverci, e diventare più consapevoli interagendo sulla postura.

Praticando il Metodo Feldenkrais possiamo avere più possibilità di scelta, grazie alla conquistata libertà di movimento, migliorando le nostre capacità.

Integrazione Funzionale 

Qui ci si basa su incontri individuali tra allievo e insegnante.

Le mani dell’insegnante guidano l’allievo a migliorare la propria organizzazione corporea, attraverso una manipolazione delicata.

Questo contatto può essere d’aiuto a chi ha un preciso disturbo, mal di schiena, dolori cervicali, dolori alle articolazioni o muscolari dovuti a traumi o cattive abitudini di postura.

Durante la lezione individuale, denominata Integrazione Funzionale (IF), l’insegnante utilizza una tecnica manuale non invasiva per rendere l’allievo consapevole della propria organizzazione funzionale e suggerire nuovi modi per renderla più efficiente. Il contatto manuale è rispettoso e gentile, mai orientato a forzare bensì a creare un ambiente favorevole all’apprendimento. In questo caso l’allievo è normalmente disteso su un apposito lettino basso.

A CHI SI RIVOLGONO QUESTE LEZIONI?

A persone di tutte le età e in qualsiasi condizione fisica: anziani e disabili che desiderano ampliare le loro risorse e migliorare il proprio modo di muoversi, persone che soffrono di dolori o limitazioni nei movimenti delle varie parti del corpo, che hanno avuto interventi chirurgici, che per motivi professionali conducono un tipo di vita particolarmente frenetica, che sono costrette a stare molte ore sedute, che usano il computer, che fanno lavori pesanti, che praticano uno sport a qualsiasi livello e vogliono, sia ottenere prestazioni più elevate, sia prevenire eventuali disturbi articolari e muscolari legati alla pratica sportiva, e ancora persone che lavorano per e sulla salute (medici, psicologi, neurologi, terapisti) o persone che desiderano migliorare l’armonia dei propri gesti (attori, danzatori, musicisti e cantanti).

Elena Cozzi

Insegnante di danza contemporanea e Metodo Feldenkrais all’Associazione Sarabanda, diretta da Elena Cerruto, collaboratrice dell’Istituto di Formazione Metodo Feldenkrais diretto da Mara Della Pergola

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someonePrint this page

2 Commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*