Sigarette con additivi ancora più tossiche

Fumare è un’abitudine insana, pericolosa per noi e per gli altri. Che le grandi industrie del tabacco cerchino in tutti i modi di minimizzare i gravi rischi del fumo non è una novità. Le multinazionali come Philip Morris hanno impiegato anni ad esempio a studiare se gli additivi, come il mentolo, potessero aggiungere o meno tossicità alle sigarette. Il risultato di queste ricerche sembrava andare nella direzione della non pericolosità, eppure grazie alle azioni legali contro l’industria del tabacco, una serie di documenti scientifici e aziendali segreti sono stati resi pubblici.
Un team multidisciplinare di ricercatori, guidati da Marcia Wertz, del Center for Tobacco Control Research presso l’Università di California, a San Francisco, ha deciso di verificare con attenzione i risultati delle ricerche di Philip Morris. Rispetto ai risultati pubblicati dall’azienda del tabacco, la revisione esterna ha constatato una maggiore tossicità nelle sigarette con additivi. Il team californiano ha anche scoperto che i documenti interni e le analisi statistiche sono stati modificati.
Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someonePrint this page

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*