Alimentazione — 25 gennaio 2012 10:00

I cibi che fanno bene ai denti

Esistono alimenti in grado di proteggere i nostri denti, renderli più forti e belli? Sì. Ecco allora una lista di cibi da assumere regolarmente perché ricchi di calcio e altre proprietà nutritive.

Latte: bere latte può realmente rinforzare i nostri denti e le nostre ossa. Secondo Ellie Phillips dell’American Academy for Oral Systemic Health, il lattosio, zucchero del latte, è il meno pericoloso per i nostri denti. Il calcio contenuto inoltre ha un ruolo importante per lo sviluppo di una dentatura sana fin da bambini. Secondo uno studio poi, il latte è in grado di proteggere i denti quando si assumono cibi in grado di provocare carie. Prima di andare a dormire è comunque sempre opportuno lavarsi i denti dopo aver bevuto il classico bicchiere di latte.

Tè verde: grazie ai polifenoli contenuti, è in grado di fornire un aiuto per contrastare la placca dentale.

Formaggio: il dottor Phillips ha citato una ricerca secondo cui i bambini tra i 7 e i 9 anni che a colazione consumavano tutti i giorni una piccola quantità di formaggio avevano meno carie rispetto a coloro che assumevano altri alimenti. Da privilegiare i formaggi con i probiotici, come il Brie o il Camembert.

Frutta e verdure croccanti: favoriscono la produzione di saliva che forma un ambiente alcalino nella bocca. Anche i polifenoli contribuiscono a stimolare la saliva. Poiché la frutta contiene zuccheri, è sempre opportuno lavare i denti dopo averne consumata.

Yogurt: per far diminuire i batteri nocivi e favorire la diffusione di quelli a funzione protettiva, lo yogurt può essere utile. Da consigliare lo yogurt intero, con probiotici e proteine.

Uva passa: per la quantità di fibre e il livello di polifenoli identifico a quello dell’uva fresca. Contiene poi un acido anti-placca. Meglio far seguire l’assunzione di uvetta da latte o formaggio, proprio per via di questo acido.

Funghi Shiitake: permettono di remineralizzare i denti e abbassare il livello di acidità nella bocca.

Fonte: The Huffington Post

 

Lascia un commento

— required *

— required *