4 chiacchiere con Ilaria Sicchirollo (Essere & Benessere)

Wellness Oggi intervista la direttrice del magazine Essere & Benessere, in distribuzione presso le farmacie dell’omonimo network, per parlare di tendenze wellness e dare qualche consiglio ai nostri lettori.

Da direttrice di Essere & Benessere lei lavora in un osservatorio privilegiato per quanto riguarda le ultime tendenze sul fronte del wellness. Se dovesse indicarne tre, quali sceglierebbe?

Qualunque analisi sul mondo del wellness, come di qualsiasi altro settore, non può prescindere dal particolare momento storico in cui ci troviamo. Ciascuno di noi ha intorno persone che hanno perso il lavoro o che stanno risentendo pesantemente di questa crisi. Il mondo della salute e del benessere, benché privilegiato (esiste un indicatore di mercato, definito lipstick index, secondo cui nei periodi di crisi economica le vendite di cosmetici non solo non calano, ma addirittura aumentano, perché le persone scelgono piccole gratificazioni non potendosi più permettere ingenti spese) si sta giocoforza liberando di quella patina di superfluo e di quell’ostentata allure un po’ vanesia che in momenti in cui la gente non arriva a fine mese può risultare fastidiosa con un pericoloso effetto boomerang. La prima tendenza che deriva da queste considerazioni è quindi concentrare le poche risorse disponibili sulle cose che contano veramente. Ai soli trattamenti di bellezza, all’estetica fine a se stessa, si preferiscono soluzioni più concrete: penso alle medical spa, che integrano salute e benessere, o a quei trattamenti che presuppongono interventi medici specializzati che fanno prima di tutto bene alla salute. Massaggi terapeutici più che solo estetici, consulenze personalizzate, fino al wellness coach che prepara programmi di benessere a tutto tondo studiati su misura della persona, evitando dispersioni di tempo e denaro con tentativi non mirati e validi un po’ per tutti. La seconda tendenza riguarda, e non solo in questo settore, una sempre maggiore consapevolezza ecologica: ingredienti naturali, imballi che rispettino il pianeta, materiali ecocompatibili, cosmetici biologici o naturali, anche fatti in casa con quanto abbiamo in cucina. In quest’ottica di sensibilità verso l’ambiente, che si concretizza anche in un maggior rispetto verso quell’ambiente che è il nostro corpo, si inserisce, per esempio, la tendenza definita “botulin free” che non rifiuta in toto gli interventi antiage, ma li ripensa in versione più autentica, senza forzature e senza snaturare lecaratteristiche della persona. Infine, anche se è difficile fermarsi a tresole tendenze, indicherei la crescente importanza della nutrizione all’interno di un programma di benessere. Ormai dieta non è più solo dimagrimento, ma un vero stile di vita votato al benessere: la nutraceutica, cioè l’alimentazioneche utilizza le proprietà benefiche dei cibi per favorire prevenzione e salute, e il cosiddetto functional food, sono lo strumento più immediato, e alla portata di tutti, che abbiamo per dedicarci alla cura di noi stessi.

Ilaria SicchirolloNel suo ultimo editoriale, riferendosi a marzo, lei parla di “mese della donna”: ma in che modo l’universo femminile dovrebbe riscoprire una vita all’insegna del benessere?

Anche se l’uomo è sempre più attento al benessere, e anche se trattamenti pensati per lui o per la coppia sono sempre più diffusi, la donna è e resta il target principale di riferimento del mondo del wellness: spa, hammam e centri wellness sono pensati soprattutto per lei. Qualunque donna, anche la più impegnata delle manager che si divide fra lavoro e famiglia, trova il tempo per un appuntamento, almeno mensile, con una ceretta, una manicure o un trattamento per il viso. Avere un aspetto curato è un obbligo sociale e non possiamo né vogliamo farne a meno. Quello che però ogni donna dovrebbe fare è pensare di più al proprio benessere in senso lato: trasformare cioè quella vocazione alla cura e all’accudimento, insita nel proprio DNA, in cura eaccudimento di se stessa, non tanto dal punto di vista fisico quanto dellostare bene nel senso più ampio. Ritagliarsi spazi per seguire i propri interessi, per assecondare le proprie inclinazioni, per fare ciò che piace. Riempire la propria vita non solo di doveri verso gli altri ma anche di diritti verso noi stesse. Pretendiamo, giustamente, un riconoscimento sociale ma poi spesso siamo le prime a sacrificarci o ad autolimitarci, spesso nascondendoci dietro l’alibi della famiglia o di una società che non attribuisce il giusto merito alle donne. È un cammino lungo che deve partire prima di tutto da noi.

Che consigli può dare ai lettori di Wellness Oggi per prepararsi al meglio per affrontare la primavera?

Ogni cambio di stagione è un piccolo stress per il nostro organismo e ognuno di noi reagisce in modo diverso al variare della temperatura (un po’ incostante quest’anno, a dire la verità) e all’allungarsi delle giornate. In primavera c’è chi inizia a soffrire di insonnia e chi invece non farebbe altroche dormire, a chi basta un raggio di sole per sentirsi felice e chi invece viene colto dall’ansia. Io consiglierei prima di tutto di ascoltare i segnaliche il nostro corpo ci manda. Se abbiamo sempre sonno è inutile imbottirci di caffè: concediamoci una sana dormita! In generale poi trovo che la vitaall’aria aperta –  allergie ai pollini permettendo – resti il rimedio migliore per contrastare quel senso di stanchezza e di scarsa concentrazionecaratteristico di questi mesi: sport, passeggiate nel verde, gite fuori porta consentono di scaricare la tensione, staccare un po’, liberare la mente e poidi tornare al lavoro o allo studio più carichi di prima. Infine, anche se alle donne viene naturale, consiglio di dedicare un po’ di tempo alla cura del proprio corpo: non mi riferisco ai dimagrimenti lampo per metterci in costume, ma più in generale all’attenzione per il proprio aspetto. Un corpo curato è un corpo bello, anche se con qualche chilo in più. In che modo? Non facciamoci trovare impreparate dai raggi del sole, quando sarà il momento di scoprirci un po’ di più: peeling per preparare la pelle all’abbronzatura, manicure e pedicure e qualche prodotto nuovo nel beauty case ci faranno sentire più belle e più sicure, anche con tutte le nostre imperfezioni.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someonePrint this page

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*