Metodo Mézières, dolori addio

“Il male non è mai là dove si manifesta”. È proprio parten­do da questo concetto che la celebre fisioterapista Françoise Mézières, nata agli inizi del se­colo scorso, ha messo a punto un particola­re procedimento di rieducazione posturale, noto appunto come Metodo Mézières, la cui finalità è quella di curare ed eliminare le disfunzioni che determinano le patolo­gie. Come? Semplicemente ripristinando la simmetria dei vari gruppi muscolari at­traverso l’esercizio e l’allungamento dei muscoli poco elastici.

Dagli anni 60 e 70 il metodo si è sviluppa­to in una metodica tecnica di movimenti finalizzati al riequilibrio muscolare e osteoarticolare che vanno a modificare e correggere le patologie disfunzio­nali vertebrali (come, ad esempio, cervicobrachialgie, lombalgie, sciatalgie), articolari (come periartriti, co­xartrosi, gonartrosi) e quelle prettamente muscolari, da ‘postura dismorfica’ (tipo la ipercifosi o la iper­lordosi). Ma in che modo? Méziè­res analizzò l’anatomia e soprattutto la cinesiologia muscolare, vale a dire il movimento dei muscoli, arri­vando al principio che ogni muscolo del corpo è col­legato all’altro e sovrapposto come delle “tegole di un tetto” andando così a costituire funzionalmente diverse catene muscolari che definì catena posterio­re, antero-inferiore, brachiale anteriore, anteriore del collo.

Lo scopo è dunque quella di curare ed eliminare le disfunzioni che determinano le patologie, ripristinando la simmetria delle parti del corpo (gruppi muscolari) con una pratica di rie­ducazione di tipo posizionale (postura) attraverso l’esercizio e l’allungamento dei muscoli poco elastici. Per informazioni, FD Medical Corvetto viale Lucania 6 Milano – tel. 02/57438502 – corvetto@fdmedical.it

Fonte: www.esserebenessere.it


Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someonePrint this page

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*