Meglio la frutta degli “sport drink”

La frutta ha degli effetti migliori sull’organismo di chi pratica attività sportiva rispetto ai cosiddetti “sport drink”. La conferma arriva da due studi americani. Nel primo si sono confrontati atleti che prima di una corsa di due ore e mezzo avevano consumato mirtilli con altri che non li avevano mangiati, osservando che, nei primi, erano più favorevoli alcuni parametri associati alle difese immunitarie, oltre che allo stress ossidativo e all’infiammazione, effetti secondari dell’attività fisica intensa. In un altro studio si è voluto verificare se la banana potesse rappresentare, durante esercizi fisici prolungati, una fonte energetica valida quanto quella fornita dalle bibite sportive in commercio. Al termine dell’esperimento non si sono osservate differenze sugli indici di stress ossidativo e sui parametri dell’infiammazione, rilevati attraverso test ematici effettuati prima e dopo l’esercizio. La banana, tuttavia — osserva Amelia Fiorilli, professore di Scienze tecniche dietetiche alla Facoltà di Scienze motorie-Università degli Studi di Milano — non fornisce solo zuccheri semplici e carboidrati complessi, ma è anche una buona fonte di potassio, la cui carenza provoca, tra l’altro, debolezza della muscolatura volontaria, quella che sostiene l’attività fisica.

Fonte: Corriere.it – Nutrizione

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someonePrint this page

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*