Gli autoabbronzanti

L’abbronzatura senza sole: alcuni consigli.

autoabbronzanti

 

Non è detto che chi resta in città o chi ancora deve aspettare un bel po’ prima di godersi le vacanze, debba in ogni caso rinunciare al piacere di una pelle dorata e di un incarnato luminoso.

Basta infatti scegliere gli autoabbronzanti giusti e seguire qualche pratica accortezza prima di applicarli sul corpo!

Una regola fondamentale è quella di stabilire, prima di tutto, se la nostra pelle è sufficientemente idratata: su una pelle secca, infatti, l’applicazione di autoabbronzante produrrebbe antiestetiche macchie tutt’altro che naturali.

Ecco perché è sempre meglio preparare la pelle con specifici scrub e trattamenti idratanti.

In generale, per un peeling ottimale, è necessario applicare il nostro prodotto scrub con movimenti circolari su tutto il corpo, insistendo particolarmente sulle zone più critiche; eventuali residui vanno poi eliminati con una semplice doccia.

Se invece preferiamo ricorrere all’aiuto di un’estetista possiamo regalarci uno specifico trattamento idratante corpo. Uno dei più efficaci è quello che sfrutta i benefici dell’olio di soia e del sale del Mar Morto: attraverso un impacco, il composto verrà tenuto in posa una ventina di minuti e quindi sciacquato con una doccia. Al termine del trattamento, l’estetista procederà poi applicando sulla pelle una crema corpo nutriente con un breve e piacevolissimo massaggio.

Quando finalmente avremo liberato la pelle da impurità e cellule morte, restituendole morbidezza,  potremo finalmente stendere il nostro autoabbronzante.

Come sceglierlo?

Ottimi e facili da stendere sono gli autoabbronzanti in crema; inoltre possiamo farci suggerire prodotti che contengano estratti naturali in grado di mantenere idratata la pelle. Infine anche il profumo non è sottovalutare: esistono infatti in commercio autoabbronzanti che, oltre alla tintarella, possono donare al nostro corpo un gradevole profumo rinfrescante!

Nicla Tani 

www.centrobenesserenicla.it

 

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someonePrint this page

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*