4 modi per arredare la casa in stile zen

Adottare i principi di questa filosofia all’interno delle nostre abitazioni per ridurre lo stress

 

arredamento-zenI ritmi della vita quotidiana moderna sottopongono il nostro organismo a stress continui che a lungo andare possono avere anche delle ripercussioni negative sulla nostra salute.

Uno dei rimedi sempre più utilizzati e che sembra essere davvero molto efficace ha origine dall’antica tradizione giapponese e risiede nell’applicazione della filosofia zen.

Lo zen, come filosofia orientale e come stile, si applica a tutti gli aspetti della vita, parla di armonia inteso come benessere in ogni suo aspetto: dalle funzioni fisiologiche fino a coinvolgere l’ambiente in cui viviamo.

Applicare i principi della filosofia zen all’arredamento della nostra casa può voler dire trasformare il proprio appartamento in un angolo di tranquillità in cui ricaricarsi completamente e annullare quindi gli effetti negativi dello stress. In particolare deve esser data molta importanza alla scelta dell’arredamento di quella parte della casa in cui passiamo la maggior parte del tempo, principalmente quindi la stanza da letto, dove trascorriamo le ore della notte.

Un sonno ristoratore e un sereno risveglio possono essere sicuramente aiutati da una scelta di colori e materiali naturali: sabbia, marrone, verde, wengè, sono colori compatibili con una stanza da letto con prodotti in legno e tessuti privi di colori accesi o innaturali.

Abbiamo chiesto allo staff di Cinius, azienda specializzata in arredamento e complementi di arredo in stile giapponese, di darci qualche consiglio per trasformare la nostra casa in un perfetto ambiente Zen contro ogni tipo di stress.

Vivere secondo la filosofia zen, significa prima di tutto scegliere l’ordine e la semplicità, e questi stessi principi dovrebbero essere applicati anche alla scelta dell’arredamento, optando per pochi elementi essenziali; ecco tutte le regole da seguire:

  1. Utilizzare prodotti biologici, dalle linee morbide e naturali ed utilizzando meno metallo possibile, per evitare preoccupazioni legate ai campi magnetici domestici e ai loro effetti sulla salute.
  2. Distanziare sempre i mobili tra loro in modo da non ostacolare la luce e il movimento nelle stanze e di preferire sempre complementi di arredo dalle linee essenziali e squadrate, senza eccessive decorazioni.
  3. I soprammobili dovranno essere in numero minimo, ma preziosi, possibilmente oggetti giapponesi originali e minimali. In ogni sala si dovrà creare un equilibrio tra gli elementi della natura, che secondo il feng shui sono terra, metallo, acqua, fuoco e legno; cerchiamo quindi di inserire oggetti che li contengano per armonizzare l’energia.
  4. Un arredamento zen prevede comodini e letti in legno, realizzati con vernici naturalimaterassi in latticepiumoni e trapunte in mais o in cotone naturale (il cotone naturale è un materiale anallergico), come punto di partenza per realizzare una stanza da letto che utilizzi il numero minore di elementi metallici possibili, per poter evitare le onde elettromagnetiche.

Lo stile zen, tipico delle case giapponesi ed essenziale per il nostro benessere, può essere ricreato facilmentecinius zen scegliendo mobili che hanno le forme tipiche della tradizione orientale e dell’arredamento giapponese. 

Nella camera collochiamo un letto basso e squadrato in legno, con comodini bassi e luci soffuse.

La cucina dovrà essere ben strutturata ed essenziale, privilegiando la funzionalità e la naturalità dei materiali.

Nel soggiorno inseriamo dei futon e dei tatami sul pavimento, mentre il tavolino dovrà essere basso, per poterlo usare anche sedendo direttamente sul tappeto.

Va infine curato il giardino esterno in stile zen, con ordine rigoroso e disponendo in modo equilibrato piante, aree verdi, acqua e sassi: si potrà utilizzarlo anche come spazio rilassante dove praticare la meditazione.

Cinius offre sul suo portale molte soluzioni, mobili ma anche accessori e arredi giapponesi, per trasformare qualsiasi appartamento in un ambiente Zen.

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someonePrint this page

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*