Allenare mente e corpo contro il decadimento cognitivo

“Chi ha gambe ha testa” nel parco di Humanitas Gavazzeni: il progetto di Ats Bergamo arriva nell’ospedale a beneficio di degenti, pazienti, visitatori

Un percorso di 1 chilometro lungo i viali del secolare parco di Humanitas Gavazzeni per mettere in moto il corpo. 14 cartelli con esercizi di memoria e logica ideati dai neurologi della provincia di Bergamo con il coordinamento del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria ATS Bergamo, per mettere in moto il cervello. Questo è “Chi ha gambe ha testa”, progetto di prevenzione del decadimento cognitivo e di miglioramento dello stile di vita, che da maggio trova casa in Humanitas Gavazzeni.
«Gli esercizi proposti in forma di gioco – spiega Giuliana Rocca, direttore UOC Promozione
della salute del Dipartimento Igiene e Prevenzione Sanitaria di Ats Bergamo – aiutano a
ottimizzare e mantenere giovani le capacità sensoriali, di memoria, concentrazione e
ragionamento, oltre ad allenare le naturali strategie di apprendimento. Abbinare il movimento del
corpo all’allenamento della mente promuove un invecchiamento attivo e in buona salute. Anche il
semplice camminare, infatti, previene l’insorgere di malattie cardiovascolari, diabete, ipertensione
arteriosa, obesità e depressione, tutte condizioni per il possibile sviluppo di demenze. Per questo
possiamo dire che fare esercizio con regolarità previene indirettamente anche il decadimento
cognitivo».
Il successful ageing è un tema molto sentito dalla comunità scientifica: complice l’invecchiamento
della popolazione mondiale, è forte l’esigenza di mettere in campo tutte le azioni possibili volte
a garantire alle persone un buono stato di salute fisica e mentale sul lungo periodo. Da qui
l’idea di installare il percorso all’interno del parco dell’ospedale, esperimento unico sul territorio
lombardo, a beneficio dei pazienti, dei loro familiari, ma anche di dipendenti e Gruppi di Cammino
attivati e coordinati da Ats Bergamo.
«Siamo felici di ospitare questo progetto – spiega Giuseppe Fraizzoli, amministratore delegato
e direttore generale di Humanitas Gavazzeni e Castelli -, a cui hanno preso parte anche i nostri
neurologi guidati dalla dottoressa Paola Merlo. Abbiamo la fortuna di avere in Gavazzeni un parco
secolare, con alcune specie arboree rare e angoli suggestivi che sicuramente potranno dare
beneficio a quanti vorranno intraprendere questo percorso di cammino abbinato all’attivazione
mentale. Humanitas Gavazzeni è da sempre impegnata in iniziative di prevenzione e diffusione di
stili di vita sani”.
Dal cedro dell’Himalaya alla magnolia degli Stati Uniti, dal faggio europeo al Ginkgo Biloba, e poi
famiglie di conigli selvatici, germani reali, merli e tortore: così si presenta il parco secolare di
Humanitas Gavazzeni, cuore della struttura attorno a cui, dal 1903, si è via via costruito il moderno
ospedale. Tra i suoi viali, 14 cartelli tracciano un percorso di un chilometro con semplici esercizi
per attivare la memoria: associare numeri a parole, memorizzare foto di animali per ripetere i
loro nomi in ordine alfabetico mentre si cammina, trovare le differenze tra due immagini, elencare tutti i vocaboli possibili che iniziano con la lettera P… giochi di complessità più o meno
strutturata che divertono e attivano la riserva cognitiva.
Trattandosi di una location con esigenze particolari, i visitatori esterni interessati al percorso
potranno usufruirne unendosi ai Gruppi di Cammino di Ats Bergamo, per i quali è previsto un
semplice metodo di accreditamento, a tutela di sicurezza e privacy degli ospiti
dell’ospedale.
«Grazie alla medicina e alla tecnologia abbiamo reso la vita più lunga, ma adesso abbiamo davanti
una nuova sfida: garantire alla popolazione anziana, sempre più numerosa, un invecchiamento
attivo e di qualità. I Gruppi di Cammino offrono efficaci opportunità di salute, partecipazione e
sicurezza per migliorare la qualità di vita delle persone anziane. Da non dimenticare il fatto che
progetti come questo favoriscono la socializzazione: altro aspetto fondamentale per un
invecchiamento felice”, conclude Mara Azzi, direttore generale di Ats Bergamo.

Accreditamento per i Gruppi di Cammino di ATS Bergamo
I Gruppi di Cammino di Ats Bergamo possono accedere al percorso “Chi ha gambe ha testa” in
Humanitas Gavazzeni il sabato mattina, dalle 9 alle 12, in un numero massimo di 30 persone.
Per accedere è necessario l’accreditamento specificando il nominato del referente del Gruppo e il
suo recapito telefonico, almeno una settimana prima, via mail, ad Ats Bergamo a:
giuliana.rocca@ats-bg.it e paolo.brambilla@ats-bg.it

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someonePrint this page

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*